Perché rivolgersi a dei professionisti (del web)

Perché rivolgersi a dei professionisti (del web)

Tempo di lettura: 3 minuti


Perché dovrei rivolgermi a dei professionisti web quando posso fare tutto da sola e gratis?


È una domanda che può nascere spontanea nella testa di una persona che non si occupa di web per mestiere; una domanda non solo spontanea e legittima, ma a cui non è per nulla scontato fornire una risposta convincente.
Questa domanda nasce da molti fattori, primo fra tutti la carenza di informazioni, secondo, l'aura di mistero che avvolge il mondo dei lavoratori del web, che troppo spesso non vengono riconosciuti come figure professionali, nonostante esista una sistematizzazione a livello internazionale dei mestieri connessi all’universo della rete e servano anni di studio, esperienza sul campo e una continua, instancabile formazione per essere all'altezza degli infiniti compiti che spettano a chi lavora nel web, qualsiasi sia il suo ambito di competenza.

Come per ogni cambiamento epocale, anche in concomitanza con l’avvento e la diffusione capillare della tecnologia e del web, sono nate nuove figure professionali. Accanto ad esse, come macchie di unto, si sviluppano e si propagano orde di millantatori, che approfittano di una situazione in costante trasformazione – difficile da definire proprio perché fluida – e della generale mancanza di conoscenza delle dinamiche legate al mondo del web e al suo funzionamento. 

Aver a che fare a più livelli con Internet, tanto in ambito professionale quanto nella sfera privata, è diventato un vero e proprio imperativo.


La maggior parte delle persone utilizza quotidianamente la rete per cercare informazioni, risolvere problemi, acquistare prodotti o servizi. Ma, data la sempre maggior trasparenza della tecnologia che sta sotto al funzionamento dei dispositivi, dei programmi e delle applicazioni, è molto difficile rendersi conto dell’enorme lavoro necessario a far funzionare il tutto in modo tale da garantire accessibilità e usabilità, cosicché l’utente trovi naturale navigare da un sito all’altro, ottenere risposte immediate ai propri quesiti, effettuare acquisti con un semplice click.

Non ci rendiamo conto della mole di lavoro che serve perché l’utilizzo di un qualsiasi dispositivo tecnologico ci sembri la cosa più naturale del mondo. Del resto, lo diceva anche Leonardo che “la semplicità è l’ultima delle sofisticazioni”.


Non è certo un obbligo promuovere la propria attività grazie alla rete, ma, se si decide di fare il salto ed entrare nel grande cosmo del web, è senza dubbio consigliabile affidarsi ad un team di professionisti. Questo implica, accanto ad una piccola dose di fortuna, grandi discernimento e fiducia da parte del richiedente, onestà, competenza e attenzione da parte del professionista al fine di giungere ad una reciproca soddisfazione

Ricordo, a tal proposito, la definizione che il sito della Treccani offre della parola “professionalità”: «qualità di chi svolge il proprio lavoro con competenza, scrupolosità e adeguata preparazione professionale».
Ecco spiegato senza tanti fronzoli il motivo che dovrebbe spingere chiunque a rivolgersi a professionisti per raggiungere i propri obiettivi

PROFESSIONALITÀ:
qualità di chi svolge il proprio lavoro con competenza, scrupolosità e adeguata preparazione professionale. 

Treccani

Vero è che si può fare anche tutto da soli. Ma la qualità del fai da te non è sempre la migliore. 
Farò un breve esempio concreto: se ho bisogno di tagliarmi i capelli – non sono una parrucchiera e non mi sono mai tagliata i capelli se non con il rasoio elettrico –, posso decidere di prendere un paio di forbici, mettermi davanti allo specchio e cominciare a tagliare. Oppure, posso più saggiamente decidere di rivolgermi a un parrucchiere e magari chiedergli anche consiglio sul taglio che mi sta meglio. Certo, spenderò di più rispetto al fai da te. O no? Perché se mi taglio da sola i capelli avrò probabilmente (leggi certamente) bisogno di “ritoccare” il taglio. Quindi, oltre al tempo perso, spenderò comunque soldi per sistemare il pasticcio che ho fatto alla mia povera testa. 

Tutto questo per dire che vale la pena di spendere denaro in un servizio professionale: si tratta di un investimento che porterà benefici futuri e ripagherà la spesa sostenuta.

A voi la scelta.

[Photo by Amy Humphries on Unsplash]

Potrebbe interessarti anche

Un buon piano non sarà come avere una bacchetta magica, ma ti può aiutare a perseguire i tuoi obiettivi risparmiando tempo e risorse e portandoti passo dopo passo alla tua meta.
Per un qualsiasi business è importante non solo essere in rete, ma anche e soprattutto esserci nel migliore dei modi per costruire la propria comunità e creare fiducia.
Post recenti
Come dico sempre, senza strategia non c’è piano, senza piano non c’è futuro: ecco perché prima di ogni altra cosa, è bene costruire una buona strategia.
Creo piani di comunicazione, pacchetti formativi social e gestione sito, traduco le tue idee in azioni che potrai seguire per amministrare in autonomia la tua attività online.
Quali sono i pilastri di un buon marchio? Possiamo riassumerli in tre grandi categorie: unicità, emozione e motivazione.