La bellezza che non si vede

La bellezza che non si vede

Tempo di lettura: 3 minuti


A volte, è proprio quello che non si vede a costituire la colonna portante di un progetto.
Non vediamo la struttura portante di un edificio, eppure credo siamo tutti d’accordo sulla sua importanza nel farlo stare in piedi.

Creare un sito è un lavoro invisibile agli occhi del cliente, e così deve essere.
Al cliente in genere non interessa cosa c’è dietro il funzionamento del suo sito web. 
Non gli interessa sapere che:

  • il backend di un sito è la base su cui poggiano il funzionamento stesso del sito e la sua interfaccia grafica
  • il frontend è la parte visibile del sito, quella che gli utenti vedranno e con cui si relazioneranno.

È roba da nerd, ehm, da addetti ai lavori.
Al cliente interessa che il suo sito web funzioni come si deve e che lo aiuti nel suo business.
Ma basta con queste digressioni.
Vorrei solo che si capisse l’importanza del lavoro dietro le quinte, perché, in anni di esperienza, mi sono accorta che troppo spesso è un fattore di cui i clienti – in buona fede, naturalmente – non tengono affatto conto e per il quale non sono propensi a pagare.
La frase che sorge spontanea nella loro mente e, spesso, anche sulle loro labbra o nel loro sguardo attonito, è:

Perché mai dovrei pagare?
Tanto fa tutto il computer! 


Come per la creazione di un sito, così anche per creare una strategia di comunicazione c’è una quantità notevole di lavoro invisibile, fatto di tanti, tantissimi tasselli che sta a me unire in una struttura organica.
Per semplificare, potrei suddividere le fasi di lavoro nascosto e spesso rinnegato in cinque aree che costituiscono una sorta di viaggio dell’eroe verso il nostro piano operativo, quello che arriverà a te, amabile cliente, e su cui lavoreremo insieme per raggiungere i tuoi obiettivi.
Eroica e tenace, attraverserò inenarrabili peripezie e indicibili pericoli per trovare il tesoro e portarlo fino a te.
(Ti prego di perdonare questa digressione fantasy, ho da poco finito di leggere La Storia Infinita di M. Ende.
Cosa?? Non l’hai mai letto? Rimedia al più presto, mi ringrazierai).

Partiamo per questo viaggio, di cui ti fornirò soltanto gli elementi essenziali perché tu abbia un’idea più precisa di quello che faccio.

Analisi

Troppo spesso sottovalutata, questa fase introduttiva è di capitale importanza per impostare tutto quanto il lavoro successivo e determinarne in gran parte la riuscita.
Senza un’accurata analisi di contesto, mercato, competitor, colleghi, attività affini e collaterali, come potremo creare la tua strategia? 
Senza contare la parte in cui l’analisi si rivolge all’interno, per capire come funziona la tua attività e come vuoi impostare la comunicazione del tuo business.

Se non hai le idee chiare su chi sei e cosa vuoi, come posso aiutarti a raggiungerlo?


E non pensare che sia così scontato: il più delle volte, è un compito arduo quello di definire chi siamo e cosa vogliamo davvero.

Studio

Una volta raccolti i dati grezzi e il materiale necessario a creare un quadro più ampio, una sorta di panoramica della situazione, arriva il momento di studiare gli strumenti e le strategie che posso adottare per far crescere in maniera sana e strutturata il tuo business.
Per me e le mie strategie non esiste la formula “one size fits all”, un modello unico che applico indistintamente a coloro che si affidano a me, a prescindere dal tipo di attività che svolgono e dalla loro identità sia personale che professionale.

Non credo sia funzionale. Potrà anche suonare pretenzioso, ma vuoi mettere un vestito fatto sul tuo corpo e sulle tue peculiarità rispetto a un vestito fatto in serie? Ognuno di noi porta qualcosa di nuovo e unico nel mondo e non posso certo non tenerne conto se voglio che il mio lavoro ti rispecchi e incarni fiero il tuo messaggio nell’universo della rete.

Brainstorming

In questa fase, comincio a lavorare con gli ingredienti che ho raccolto, i dati e le informazioni necessarie a creare il profilo della tua azienda.
Metto insieme i tasselli che andranno a costituire la tua identità aziendale, i tuoi perché, la tua unicità, i tuoi valori e i modi più efficaci per comunicarli al mondo. 
Lascio decantare tutto il malloppo e cerco il filo che collega ogni tassello all’altro. 
Lascio libera la mente di unire e separare, di giocare con tutto il materiale raccolto per trovare il collante che unirà tutto in una nuova forma. 

Creativity is just connecting things.1

Steve Jobs


Allineamento

Arrivata a questo punto, è ora di confrontarci e vedere se va tutto bene, se ho capito le tue esigenze, se hai cambiato idea. 
A seconda dell’entità del progetto, fisso una o più chiamate in cui discutiamo insieme degli step di avanzamento per capire se sto andando nella giusta direzione oppure ho deviato dai tuoi bisogni.
Questo passaggio è fondamentale per mantenerci allineati e non perdere tempo e denaro in azioni inutili o incongruenti.

Intenzione

L’intenzione è l’afflato che metto nel mio lavoro.
È impalpabile, ma sono convinta che i miei clienti la percepiscano. 
Nei suoi effetti sul prodotto del mio lavoro e sulla relazione che nasce tra noi.

Anche l’amore è invisibile, così come la così chiamata materia oscura. 
Eppure, sono energie imponenti e senza le quali forse non esisteremmo.


La differenza la fanno spesso i dettagli apparentemente più insignificanti.


Nella pratica yoga, mi succede a volte di riuscire ad affrontare una posizione che ritenevo impossibile facendo aggiustamenti impercettibili. Basta pochissimo, un minimo spostamento del peso e puf, la posizione proibitiva diventa fattibile. 
Quando capita, rimango sempre colpita dall’entità ridicola dello spostamento. 
Eppure, quel minuscolo aggiustamento determina la riuscita o meno della posizione.

Magico, no?





1 La creatività è soltanto mettere in connessione le cose. 

[Photo by Aaron Burden on Unsplash]

Potrebbe interessarti anche

Pianificazione, ma non solo; un buon marketing si regge sui delicati equilibri che costruiamo tra professionalità e umanità, dati e intuito, resilienza e determinazione, presenza e discrezione.
Il fatto che ormai tutti abbiamo la tecnologia a portata di tasca non significa che tutti sappiamo padroneggiarla.
Proprio ora che il tempo si è dilatato, è il momento propizio per rivedere la tua presenza online e dare una spinta alla tua comunicazione e al tuo sito.
Per andare incontro al mondo, è bene avere solide basi su cui appoggiarsi. In rete, il sito web è la tua casa, il tuo regno.
Post recenti
In questo post, ti offro qualche consiglio basato sulla mia esperienza per gestire al meglio la tua risorsa più preziosa: il tempo.
Le parole che scegliamo hanno importanza perché portano le nostre idee nel mondo reale.
La scrittura dice ciò che fai e chi sei al tuo pubblico.
Se vuoi, posso aiutarti a trovare le parole giuste per mettere in risalto la tua vocazione con onestà e e coerenza.

Vorresti partire
con la tua attività online
ma non sai da dove cominciare?

Scrivimi!
Insieme potremo costruire una strategia
che ti guiderà nel magico mondo del web.

Cliccando il pulsante INVIA si accettano i termini di Privacy Policy.