Segui i tuoi ritmi e immergiti nel flow

Segui i tuoi ritmi e immergiti nel flow

Tempo di lettura: 4 minuti


Ho già parlato di come allineare le energie ai nostri pattern possa essere d‘aiuto a mantenere alta la produttività e a vivificare il sacro focus, ma questo è uno di quegli argomenti di cui non mi stanco mai di parlare, perciò eccoti un altro post sul tempo e su come puoi gestirlo al meglio e vivere felice.
Approfitto di questo momento che sa tanto di anno nuovo – settembre in genere segna un nuovo inizio, no? – per ritornare sul tema a me molto caro dei pattern.
E tradurlo in qualche consiglio pratico per la tua produttività.

Una questione di ritmo

L’universo è ciclico, noi esseri viventi siamo ciclici. Tutto quanto ha un proprio ritmo che si incastra con il ritmo di ciò che lo circonda.
Noi umani non siamo diversi dal resto. Giorno e notte, sonno e veglia, fame e sazietà, attività e riposo – solo per fare qualche esempio – ci accomunano a tanti altri esseri viventi.
Anche la nostra produttività è ciclica: per questo conoscere i nostri ritmi può aiutarci a sfruttare i momenti di grande energia occupandoci delle priorità per poi ricaricarci quando invece abbiamo un calo.
Conoscere il mio ritmo è come seguire il flusso, remare seguendo la corrente invece di lottare per domare i flutti.
Conoscere il mio ritmo mi permette di lavorare in uno stato di flow, per dirla con Csíkszentmihályi.

Trova i tuoi pattern giornalieri

Sei una persona che ama svegliarsi presto la mattina?
O, invece, sei più un tipo gufo, una persona notturna? 
Quali sono i momenti della giornata in cui riesci a focalizzare più intensamente la tua attenzione?
E quali, invece, quelli in cui proprio non riesci a concentrarti?

Queste sono solo alcune delle domande che puoi porti per capire qual è il tuo ritmo personale e mettere a frutto i momenti di picco e quelli di calo.
L’attenzione media si sta abbassando a vista d’occhio, è fuori di dubbio, complici, tra le tante cose, i troppi stimoli costanti provenienti dai nostri dispositivi.
Ma l’attenzione ha anche i suoi picchi e cali fisiologici ed è del tutto naturale.
Che ce la raccontiamo o meno, non possiamo essere sempre sul pezzo allo stesso livello di concentrazione.

Io ad esempio, do il mio massimo quando scrivo tra mezzogiorno e le due del pomeriggio.
Non so perché ma è una cosa che ho notato negli anni e che ora uso a mio favore, cercando sempre di scrivere i miei post in quella fascia oraria.

Se ti ascolti, ti osservi e cerchi di tenere traccia del tempo senza giudizio, ti accorgerai – già solo dopo una settimana o poco più – di alcuni pattern che si ripetono.
Potrai così scoprire se i tuoi picchi si verificano la mattina, il pomeriggio o la sera e regolare le tue attività di conseguenza.

Distribuisci i task 

Quando avrai capito quali sono i tuoi ritmi, potrai distribuire le tue attività secondo l’impegno che ciascuna richiede. Il mio consiglio è di inserire le attività più importanti all’interno dei momenti di grande energia e tenere le attività meno impegnative per i momenti di calo. Ah, senza dimenticarti delle pause, fondamentali per ricaricarti e aumentare i periodi di picco. 
Sempre per andare sul pratico, puoi pensare di controllare la tua casella di posta – un task piuttosto semplice e routinario – durante uno dei tuoi momenti di calo.
Nel caso ti sia arrivata una mail importante, potrai decidere di rispondere quando la tua energia sarà tornata a un buon livello: in questo modo, risparmierai tempo e risponderai in modo mirato ed efficace. 

Allarga la visuale 

Bene, adesso che conosci i tuoi ritmi giornalieri, potresti voler approfondire la tua indagine e acquisire una visione dei tuoi cicli più ampia.
In tal caso, ti accorgerai che anche i giorni della settimana seguono determinati schemi di fondo: a seconda del giorno, ti verrà spontaneo dedicarti maggiormente a una cosa piuttosto che a un’altra.
Per chiarire con un esempio personale, il lunedì io mi sento supercreativa, perciò ne approfitto e dedico gran parte del tempo al mio progetto artistico; il martedì, mi piace fare un check approfondito della mail e dare una ripulita ai miei account social e ai miei spazi di archiviazione. E così via. Naturalmente, sto parlando di tendenze, non è che dedichi tutto il giorno a fare decluttering digitale ;) 

Energie e planning

Questi non sono schemi rigidi da seguire alla lettera, ma indicazioni da cui estrapolare quello che ti serve.
E solo quello che ti serve.

Individuare il propri ritmi giornalieri e, perché no, settimanali (e, nel tempo, mensili e stagionali;  siamo animali, non dimentichiamolo) può sembrare complicato. 
In effetti, richiede grande attenzione e una certa pazienza, ma è anche rivelatorio di certi atteggiamenti ripetuti di cui magari non ci rendiamo nemmeno conto e può influire positivamente su eventuali cambiamenti di rotta e – come ho scritto all’inizio del post – sulla nostra produttività

Se impariamo a osservarci, possiamo scoprire un sacco di cose interessanti da usare nella vita e nell’attività lavorativa.

Connessioni 

Ti ripropongo qui una tabella semplificata al massimo dove associo ogni giorno della settimana a un chakra e a una fase lunare. 
La uso come una sorta di indizio su come organizzare le mie giornate assecondando le energie che ho a disposizione.
Se non l’avessi già notato a una prima occhiata, a ogni chakra ho abbinato una parola-chiave che potrebbe dare un prezioso suggerimento sul tono della giornata in questione.
Io ho usato i chakra perché sono il sistema di riferimento che preferisco, ma tu usa pure quello che risuona di più con i tuoi gusti e le tue esigenze. 
Un esempio? I tarocchi, le carte oracolo, le stagioni, i moti dei pianeti, insomma qualsiasi cosa abbia per te un significato profondo e che senti più affine in questo momento.

Potrebbe interessarti anche

Una panoramica degli strumenti offerti da Google che uso per organizzare le mie attività.
Ti presento alcune tecniche che puoi usare nelle diverse fasi del tuo progetto.
Dai una forma tangibile alle tue attività per limitare l’accumulo di compiti e aumentare l’efficacia del processo.